ARTISTA DEL MESE

QM Logo 

 

VALENTINO VAGO
Barlassina, (1931 - 2018)
Pittore
 
Valentino Vago
Valentino Vago "VE. 92" (1993), olio su tela (Archivio Vago)
 
 

Valentino Vago è stato uno dei più importanti pittori italiani, con il colore trasformava le tele in campi di luce. Ha dipinto anche l'invisibile, una ricerca che ha portato anche sui muri delle chiese.

 
Breve Biografia
 
Laureato all'Accademia di Belle Arti di Brera, la sua prima personale è nel 1960, a Milano, al Salone Annunciata. Nel suo lungo percorso artistico ha partecipato a numerose mostre personali e importanti collettive in Italia e all'estero. Si ricordano le partecipazioni a rassegne realizzate dalla Biennale di San Paolo, al Kunstmuseum di Colonia, alla Hayward Gallery di Londra, al Grand Palais di Parigi e, ancora, nei musei di Francoforte, Berlino, Hannover e Vienna. Milano gli ha dedicato importanti antologiche, tra cui quelle a Palazzo Reale, al Pac - Padiglione di arte contemporanea e al Museo diocesano[3]. I suoi lavori sono presenti in importanti collezioni private e pubbliche italiane e straniere. Dal 1979 si è dedicato, con continuità, alla pittura murale, dipingendo ambienti pubblici e privati in Italia e all'estero. Oltre una decina di opere abitabili sono all'interno di chiese. La prima, quella di San Giulio a Barlassina, è del 1982, la più vasta (12.000 mq), dedicata a Nostra Signora del Rosario, è stata consacrata nel 2008 a Doha, Qatar. È morto il 17 gennaio 2018 nella sua casa di Milano.
MIMMO PALADINO
Paduli, (1948)
Pittore
 
mimmo paladino

Mimmo Paladino, ''Senza titolo'', 1995. Donazione dell'artista. Collezione Madre 

 
 

Artista di fama internazionale, è protagonista di quel ritorno alla pittura che caratterizza la fine degli anni ’70.

 
Breve Biografia
 

Mimmo Paladino è uno dei rappresentati più noti della Transavanguardia. Con questo movimento, teorizzato nel 1980 da Achille Bonito Oliva, assistiamo a quel vasto fenomeno di ritorno alla pittura, dopo che quest’ultima sembrava quasi scomparsa per la presenza delle tanti correnti concettuali che si erano manifestate negli anni ’70. Il nucleo storico della Transavanguardia è formato, oltre che da Mimmo Paladino (nato a Paduli, Benevento, nel 1948), da Sandro Chia (nato a Firenze nel 1946), Francesco Clemente (nato a Napoli nel 1952), Enzo Cucchi (nato a Morro d’Alba, Ancona, nel 1950) e Nicola De Maria (nato a Foglianise, Benevento, nel 1954). Artisti tutti italiani che formano la prima corrente artistica europea che, in questo secondo dopoguerra, riuscirà ad affermarsi anche in America.

BILL VIOLA
New York, (1951)
Video Artist
BILL VIOLA
Bill Viola, ''Five Angels for the Millennium'', 2001 
 
 

Bill Viola (New York, 25 gennaio 1951) è un artista statunitense. Fra i più apprezzati artisti della videoarte si è formato al College of Visual and Performing Arts della Syracuse University 

 
 
Breve Biografia
 

Ha studiato (1969-73) nel dipartimento di studi sperimentali del College of visual and performing arts della Syracuse University (New York). Accanto all'interesse per il video come mezzo espressivo ha coltivato quello per la musica, studiando con David Tudor (1926-1996) e collaborando con il suo gruppo Composer inside electronics (1974). Dal 1974 al 1976, a Firenze, è stato direttore tecnico di produzione dello studio di videoarte Art/Tapes/22, collaborando con artisti europei e americani (G. Paolini, M. Merz, J. Kounellis, V. Acconci). Con un lungo soggiorno in Giappone (1980-81, nell'ambito della Japan/US creative arts fellowship) ha approfondito lo studio delle tecnologie avanzate del video e i suoi interessi per le filosofie orientali studiando con Daien Tanaka, pittore monaco zen.