Altra Bellezza di Gaetano Pesce presso il Palazzo Morando di Milano
 
 
 

QM Logo 

 

gaetano pesce

"Altra Bellezza di Gaetano Pesce" presso il Palazzo Morando di Milano

Prosegue fino al 17 luglio 2016 a Palazzo Morando | Costume Moda Immagine la mostra di Gaetano Pesce a cura di Vittorio Sgarbi, dal titolo: “Altra Bellezza”, promossa nell’ambito di EXPO IN CITTÀ da Comune di Milano | Cultura, Direzione Musei Storici e organizzata da Gobbetto resine.

Allestita negli spazi espositivi al piano terra di Palazzo Morando | Costume Moda Immagine, prestigiosa sede della Pinacoteca dedicata all’iconografia della città di Milano tra il XV e il XX Secolo e delle collezioni di abiti e accessori delle Civiche Raccolte Storiche, la mostra mette a confronto l’eleganza e l’ordine delle opere custodite nel Museo con la Bellezza Altra, liquida, mutevole e contemporanea, attuata da Gaetano Pesce, che con il suo lavoro ha teorizzato con forza e originalità il valore della diversità, della casualità e del difetto.

L'universo immaginifico di Gaetano Pesce è presentato con l'esposizione di pezzi storici e attuali che vanno da alcuni disegni inediti per la serie di poltrone Up, associati alla rielaborazione "vestita" della storica Up 5 e 6, ai preziosi, collier, bracciali e vasetti in resina, interpretazioni contemporanee di oreficeria; fino ad arrivare alle inedite Portrait Lamp sintesi perfetta e definitiva tra design e pittura.

Vittorio Sgarbi dice di Gaetano Pesce: «E benché egli sia quasi ariostesco, con la sprezzatura di chi non vuol far trapelare il suo ambizioso pensiero, tu lo guardi e pensi che qualcosa di Leonardo, senza la retorica del suo genio, viva in lui. E poi vedi il travestimento di un uomo di teatro che si monta barba, capelli e cappelli, per somigliare a Leonardo, e pensi che quella sia una caricatura mentre questo, quello che hai davanti, è un uomo; e che forse Leonardo va restituito a una dimensione umana, di gentilezza, di ingenuità e di fulminante talento, che è quello con il quale l’intelligente e anche iroso Pesce ti affascina. È la persona più sorprendete e originale che ho conosciuto negli ultimi anni; Gaetano è sempre curioso e stupito come un ragazzo, a Los Angeles come a Venezia, desideroso soltanto e continuamente di conoscere e meravigliarsi. Orgogliosamente italiano anche, soprattutto, nel Nuovo mondo dove anche Leonardo sarebbe certamente andato se gli aerei che stava concependo glielo avessero consentito; era certamente per questo che voleva volare. Pesce, gli aerei, tra vecchio e nuovo mondo, li prende con straordinaria frequenza ed è contemporaneamente qua e là, in una Italia reale e in una Italia del cuore…».