Bruce Nauman a Punta della Dogana con “Contrapposto Studies”
 
 
 

QM Logo 

 

 


 contrapposto

 Bruce Nauman, Walk with Contrapposto, 1968. Electronic Arts Intermix. Courtesy of the artist and Electronic Arts Intermix (EAI), New York. © Bruce Nauman by SIAE 2021.

 

Bruce Nauman a Punta della Dogana con “Contrapposto Studies”

Un progetto a cura di Carlos Basualdo e Caroline Bourgeois in collaborazione con lo stesso artista.

Il progetto, visibile fino al 9 genniao 2022, è curato da Carlos Basualdo, The Keith L. and Katherine Sachs Senior Curator of Contemporary Art al Philadelphia Museum of Art,Caroline Bourgeois, conservatrice presso la Pinault Collection, in collaborazione con Bruce Nauman stesso. 

Vincitore del Leone d’Oro alla Biennale di Venezia nel 2009, celebrato negli ultimi anni da numerose e importanti retrospettive, Nauman presenta a Punta della Dogana un percorso espositivo inedito, in grado di p-ortare nuova luce sulla propria produzione, affianco lavori storici a recenti produzioni, alcune  delle quali esposte per la prima volta in Europa in questa occasione.

La mostra rende omaggio a una serie di video realizzati negli ultimi cinque anni, a partire dalla rivisitazione di uno dei primi lavori in cui Nauman sperimentava l’uso delle immagini in movimento: il celebre “Walk with Contrapposto” del 1968.  

Il termine Contrapposto indica una formula compositiva tipica della scultura classica, in cui la figura umana è rappresentata attraverso una leggera torsione del busto intorno a un asse, alla ricerca di un bilanciamento tra le membra che emerge dalla contrapposizione delle masse. A partire dalla statuaria dell’antica Grecia, il contrapposto classico ha attraversato tutta la storia dell’arte, dal Rinascimento sino alle sperimentazioni contemporanee firmate da Bruce Nauman.

Ad accompagnare l’esposizione, fino al 27 giugno 2021, anche un ciclo di conversazioni online, dal titolo “Bruce Nauman Archive for the Future”, sempre a cura di Carlos Basualdo e Caroline Bourgeois, a cui prenderanno parte: Philippe Parreno (artista), Anne Imhof (artista), Boris Charmatz (ballerino e coreografo), Paul Maheke (performer), Élisabeth Lebovici (storica dell’arte), Ralph Lemon (performer), Tatiana Trouvé (artista), Teodor Currentzis (direttore d’orchestra), Lenio Kaklea (ballerina e coreografa), Elisabetta Benassi (artista) e Nairy Baghramian (artista), Il ciclo, interamente disponibile sul canale YouTube e sul sito web di Palazzo Grassi.