Max Mara Art Prize for Women, in collaborazione con Whitechapel Gallery
 
 
 

QM Logo 

 

emma hart

Max Mara Art Prize for Women, in collaborazione con Whitechapel Gallery

Emma Hart in dialogo con Marinella Paderni il 13 ottobre 2016 al Museo Carlo Zauli di Faenza

 

L’incontro con Emma Hart ha l’obiettivo di presentare per la prima volta in Italia il suo lavoro in generale, le ragioni della sua residenza in città e il suo interesse per la ceramica nella sua attuale ricerca artistica, nel quadro di un’ampia riflessione che tocca il suo incontro con la cultura italiana, i suoi stili di vita e il suo portato sociale.

La conversazione avverrà con Marinella Paderni, critica d’arte e curatrice indipendente, che conosce a fondo il territorio faentino in quanto docente all’ISIA.

Collezione Maramotti ha scelto il Museo Carlo Zauli come tutor dell’artista inglese per questa esperienza faentina: una realtà che da sempre promuove l’uso della ceramica nell’arte contemporanea supportando le sperimentazioni di artisti giovani e middle career e creando interessanti connessioni fra tradizione e innovazione.

Emma Hart, vincitrice della sesta edizione del Max Mara Art Prize for Women, sta vivendo in Italia da alcuni mesi con la famiglia. Il suo approdo a Faenza giunge come ultima tappa dopo Milano, Roma e Todi.

Il progetto con cui ha vinto si incentra sulla famiglia intesa come relazione sistemica e sulla possibilità di esplorare e sperimentare la ceramica nel suo lavoro. In questo senso l’Italia in generale, e Faenza in particolare, vantano un'importante tradizione, sono luoghi in cui questo materiale ha accompagnato con vivacità creativa l’evoluzione sociale e culturale rendendo questo medium interessante non solo per l’artigianato e il design, ma anche per l’arte contemporanea.

L’idea di Emma Hart per la mostra che seguirà alla sua residenza con due diverse tappe - alla Whitechapel Gallery a Londra e alla Collezione Maramotti a Reggio Emilia - è incentrata sulla possibilità di realizzare una grande installazione in ceramica con cui lo spettatore potrà entrare in contatto vivendo un’intensa esperienza non solo concettuale, ma anche fisica.


I posti per assistere all'incontro sono limitati.


Per informazioni e prenotazioni:
Cristina Casadei, Museo Carlo Zauli
tel. +39 0546 22123 / cell. +39 333-8511042
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Collezione Maramotti 

Via Fratelli Cervi 66, Reggio Emilia

Tel. +39 0522 382484

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.collezionemaramotti.org